Colesterolo e Cuore

Il colesterolo è una sostanza lipidica (grassa) normalmente presente nel sangue e che svolge una serie di funzioni importanti per il funzionamento del nostro organismo. La concentrazione plasmatica del colesterolo, o colesterolemia, (quantità di colesterolo presente nel sangue) dipende da quanto ne viene prodotto dal fegato e da quanto ne viene assorbito nel processo della digestione degli alimenti che introduciamo. Sono ricchi di colesterolo i grassi di origine animale. Esistono due forme principali di colesterolo a seconda del tipo di proteina a cui è legato: LDL (low density lipoprotein) e HDL (high density lipoprotein). Le due forme possono essere presenti in diversa concentrazione in ogni individuo. Il laboratorio misura la concentrazione delle due forme separate e calcola la colesterolemia totale, somma delle due. Quando la colesterolemia è aumentata si parla di ipercolesterolemia.

L’ipercolesterolemia rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia arteriosclerotica, insieme al diabete, all’ipertensione arteriosa ed al fumo. Il meccanismo con il quale il colesterolo contribuisce al formarsi della placca arteriosclerotica (ispessimento localizzato della parete dell’arteria che ne determina il restringimento) è rappresentata dal deposito di cristalli di colesterolo all’interno della parete arteriosa. Il rischio di sviluppare l’arteriosclerosi è tanto maggiore quanto più alta è la colesterolemia ed in particolare la forma LDL. Schematicamente come valori accettabili vengono indicati 200 mg/dl per la colesterolemia totale e 130 mg/dl per la forma LDL. Quest’ultimo valore scende a 100 mg/dl se sono presenti altri fattori di rischio.

In presenza di colesterolemia elevata conviene iniziare una dieta povera di grassi animali: sostituire il latte intero ed i suoi derivati con quelli  scremati, sostituire il burro con l’olio, ridurre i formaggi e gli insaccati. E’ consigliato il consumo di pesce azzurro ed una dieta ricca di fibre vegetali. E’ stato inoltre dimostrato un importante effetto benefico dell’attività fisica. Dobbiamo ricordare che in molti casi il colesterolo è elevato anche in soggetti che seguono una dieta corretta, povera di grassi animali. Se con la dieta non si ottiene un risultato soddisfacente, va valutata da parte del medico l’opportunità di utilizzare una statina, farmaco in grado di ridurre la produzione di colesterolo da parte del fegato.

(a cura del Cardiologo della Cittadella Socio Sanitaria di Cavarzere, il Dottor Giovanni Maria Boffa)

I commenti sono chiusi

Open

Ricerca